Evitare le aree esposte a umidità e vento eccessivi

Exchange
italy
13
1
Evitare le aree esposte a umidità e vento eccessivi


E' importante evitare le zone esposte a umidità o a vento eccessivo.

L’umidità eccessiva ed il vento sono mal tollerati dalle api e possono favorire l’insorgere o l’aggravarsi di patologie come le nosemosi o le micosi. Per evitare eccessi di umidità e importante evitare zone molto ombrose e scarsamente soleggiate e zone dove vi siano permanenza di nebbie.

L’eccesso di vento può ridurre drasticamente l’attività di volo e di bottinamento delle api, con conseguenze sensibili anche sulla produttività e sul benessere degli alveari. Inoltre in caso di venti particolarmente forti ci può essere il rischio dello scoperchiamento o del ribaltalmento delle arnie o dei portasciami.

Per ridurre l’impatto del vento è importante conoscere la zona e sfruttare macchie boscose e zone alberate che possano proteggere gli alveari dai venti prevalenti più forti. (Vedi anche la voce: Garantire la presenza di alberi per prevenire stress atmosferici).

Collocare gli alveari in zone boschive può essere utile per ridurre l’effetto del vento, ma è necessario valutare che in autunno e in inverno non ci siano condizioni di umidità eccessiva.

E’ importante non poggiare direttamente al suolo l’alveare. Questo sia per evitare che il legno venga danneggiato, sia per evitare che l’umidità entri all’interno dell’alveare.

E’ importante che le arnie siano di buona qualità e ben mantenute per evitare infiltrazioni di acqua (e garantire adeguato isolamento termico).

Se possibile, aumentare la copertura del tetto per ridurre la possibilità che le pareti laterali esterne dell’arnia si bagnino.

Evitare di posizionare gli alveari in vicinanza di corsi d’acqua, raccolte di acqua (es. laghi, stagni etc.) ed aree depressionarie.

E’ importante fare una valutazione sul posto per capire: l’altimetria del terreno, eventuali barriere frangivento presenti (o che possono anche essere predisposte), l’andamento dei venti dominati e ridurre l’esposizione delle api a questi ultimi.

© Matteo Giusti

Riferimenti bibliografici

A. Contessi (20216) – Le Api, biologia, allevamento, prodotti – Edagricole, Bologna

A. Pistoia – (2010) – Apicoltura tecnica e pratica – Edizioni L’informatore Agrario, Verona

Non sono previste avvertenze o restrizioni particolari

Does the description correspond to the practice applied in your country?
13
1